Italiano
 

Geografie rivoluzionate. Tunisia, due anni dopo

di MARTINA TAZZIOLI

I martiri della rivoluzione tunisina e i migranti tunisini dispersi del 2011: sono le famiglie dei “figli della rivoluzione” a prendere la testa del corteo di apertura del Social Forum mondiale a Tunisi.

Note per un’inchiesta politica sui paradossi del post-neoliberalismo

di DIEGO SZTULWARK

Los conceptos son cócteles molotoff contra la realidad,

armas con las que intervenir en el combate en el que todos estamos metidos

Santiago López Petit

Il comune rubato – un non diritto per un non luogo?

di PINO DA BEGATO

L’interessante invito che il professor Mattei ha formalizzato a UniNomade si rivela denso di spunti e volto ad aprire un dialogo tra realtà, che afferma meno distanti di quanto possa apparire.

Identità in movimento

Intervista a ROBIN KELLEY di IVAN BONNIN, ANNA CURCIO e LEONARDO ZANNINI

La fine del governo dei media, l’inizio di un mondo nuovo

di COLLETTIVO UNINOMADE

“Un giornale è un giornale è un giornale”. Parafrasando Gertrude Stein (“una rosa è una rosa è una rosa”) Luigi Pintor dedicò questo pensiero al mezzo che usava nel suo lavoro e al mestiere che faceva. E aggiunse: “A mezzogiorno con il giornale si possono avvolgere le patate”. A dire di come potesse essere eminentemente politico solo il ruolo di quel giornalista che ha il senso della transitorietà di ciò che fa e che ha ben presente la differenza tra informazione e propaganda. Cioè riconosce il senso vero e coerente dello strumento che maneggia.

Stili della militanza. Dal movimento operaio a Occupy #4

Registrazione video del quarto incontro del corso di autoformazione Commonware 2013

Genealogie del futuro – Introduzione

di ADELINO ZANINI e GIGI ROGGERO*

Pubblichiamo l’introduzione al volume “Genealogie del futuro. Sette lezioni per sovvertire il presente” (uscito in questi giorni nella collana UniNomade di ombre corte), che raccoglie il corso di autoformazione Commonware del 2012 “Da Marx all’operaismo”.

Un appunto sull’attuale fase costituente

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa nota di UGO MATTEI, facendo seguire una nostra breve replica come inizio di un più ampio e approfondito dibattito

La guerra in Siria e le fonti di informazione

di MASSIMILIANO TRENTIN

Quello che sta accadendo oggi in Siria è un conflitto che sta dilaniando una società e un territorio in modi talmente sistematici e pervasivi da lasciare una pesantissima eredità politica per chiunque tenterà di ricostruire il Paese o per chiunque ambisca a governarlo.

Italian Theory

di NICOLAS MARTINO

English

Una recensione a Italian Theory. Dall’operaismo alla biopolitica (Dario Gentili, Il Mulino 2012).

La civetta costituente

di ANTONIO NEGRI

Che siamo entrati in una fase costituente, tutti lo dicono: ma costituente di che cosa? La Boldrini e Grasso, ma anche tanti altri, ripetono ad ogni entrata in scena che la Costituzione del ’48 è “la più bella costituzione del mondo” – e allora, su quale ramo dovrà appollaiarsi la civetta costituente?

Il 5 Germinal di Giorgio Napolitano

uno scherzo ermeneutico di GIROLAMO DE MICHELE

Report del terzo appuntamento di Orizzonti Meridiani, “Briganti o Emigranti. Sud e studi subalterni”

Il terzo appuntamento di Orizzonti Meridiani, tenutosi a Napoli presso lo Zero81 occupato, il 16 e 17 marzo, ci lascia in eredità un grande numero di spunti, riflessioni e indicazioni.

Proficue ambivalenze del grillismo

di NICOLA CASALE e RAFFAELE SCIORTINO

Le elezioni di febbraio hanno sconvolto il quadro politico italiano. Le politiche rigoriste di Monti, appoggiato dalla Chiesa, hanno subito una sonora bocciatura.