Il comune in rivolta: Il potere costituente delle lotte

 

di ANTONIO NEGRI
pp. 240
€ 20,00
isbn 978-88-97522-18-8
Prefazione e cura di Gigi Roggero

Il libro
I saggi e gli articoli raccolti nel presente volume – in buona misura pensati e discussi all’interno dell’esperienza collettiva di UniNomade – formano un materiale prezioso per molteplici aspetti. Innanzitutto per il metodo, cioè per il processo di produzione e costituzione del pensiero dentro la materialità delle composizioni sociali e dei conflitti. Mettendo in discussione la statica separazione tra teoria e prassi, Antonio Negri mostra come non esista creazione di sapere critico al di fuori delle lotte. È in questa direzione che vengono riletti Marx e Foucault, per strappare la cassetta degli attrezzi marxiana ai polverosi sgabuzzini della filosofia della storia e quella foucaultiana alla lettura edulcorata dell’accademia. Si profila così una genealogia materialista della modernità: da Spinoza e Machiavelli, fino a Nietzsche e il post-strutturalismo francese. È qui dentro che emerge la scoperta del comune. Nelle pagine di questo volume il concetto si precisa e si afferma, trova la sua radice nel lavoro vivo: non origine, ma produzione. C’è comune solo quando c’è potenza costituente. Lo dimostrano le lotte dentro la crisi, dalla Tunisia alla Spagna, fino ad arrivare ai riot inglesi. Attraverso le pratiche e le questioni che i movimenti pongono, Negri individua le tracce attraverso cui inventare il comune degli uomini e delle donne.

L’autore
Antonio Negri ha insegnato in diverse Università europee. La sua ricca produzione teorica ha avuto riconoscimenti in vari ambiti internazionali. Tra i suoi lavori più recenti: Goodye Mr Socialism (Feltrinelli, 2007), Fabbrica di porcellana (Feltrinelli, 2008) e, con Michael Hardt, Impero (Rizzoli, 2004), Moltitudine (Rizzoli, 2004) e Comune. Oltre il pubblico e il privato (Rizzoli, 2010). Per i nostri tipi, la nuova edizione di Dall’operaio massa all’operaio sociale, Il lavoro nella costituzione e Dentro/contro il diritto sovrano.

 

 

 

Comments are closed.