Manifesto telecomunista

 

di DMYTRI KLEINER

Saggio introduttivo di BENEDETTO VECCHI

Il laboratorio scelto è quello della Rete, o meglio del variegato mondo del peer-to-peer, della produzione di software libero e dei conflitti contro il regime della proprietà intellettuale. Ma l’obiettivo è quello di cominciare a pensare come queste esperienze possono uscire dallo schermo e svilupparsi anche nella produzione hard.

Dmytri Kleiner è un mediattivista consapevole dei limiti della cultura della Rete. Questo suo manifesto è un atto pienamente politico, perché punta decisamente a superare gli angusti steccati tra produzione materiale e produzione immateriale, invitandoci a guardare senza remore il volto di Medusa del capitalismo cognitivo. E per sfuggire alla possibilità di restarne pietrificati, l’autore fa leva sulle riflessioni provenienti dalla componente sovversiva della cosiddetta Italian theory, mettendola in relazione con il meglio della cultura della rete. Il Manifesto parte così dall’analisi di alcune caratteristiche fondamentali del capitalismo cognitivo – la finanza in quanto strumento di governance del regime di accumulazione, una composizione eterogenea del lavoro vivo, in bilico tra rivolta e su-balternità – con l’obiettivo di dimostrare che è possibile sviluppare esperienze che consentano di prendere congedo dal regime del lavoro salariato. Per farlo, cambiando radicalmente di segno alla diffusa finanziarizzazione della realtà sociale, ritiene che l’accesso al credito, così come a forme di finanziamento autorganizzate, sia uno strumento fondamentale per costruire una società di liberi e uguali. Come un virus, la cooperazione produttiva può dunque diffondersi, mettendo così a nudo il carattere residuale e parassitario dei rapporti sociali di produzione capitalistici.

 

L’autore

DMYTRI KLEINER è uno sviluppatore di software. Ha lavorato su progetti che indagano l’economia politica di Internet e l’auto-organizzazione della produzione come forma di lotta di classe. Nato in Urss e cresciuto a Toronto, ora vive a Berlino. È uno dei fondatori del Collettivo Telekommunisten, che fornisce servizi internet e telefonici. È inoltre impegnato in progetti artistici che esplorano il modo in cui le tecnologie della comunicazione incorporano relazioni sociali. Tutti i suoi lavori sono reperibili in www.telekommunisten.net.

 

 

 

Comments are closed.