Argomento: Filosofia
 

Manifesto of Urban Cannibalism (Amsterdam declaration)

by WIETSKE MAAS and MATTEO PASQUINELLI

We should never abandon the city in favour of a virgin territory. There is no innocent state of nature to defend: cities are flourishing ecosystems in themselves, a true ‘human participation in nature’.

The sacred dilemma of inoperosity. On Giorgio Agamben’s Opus Dei

by ANTONIO NEGRI

With this book, the journey Agamben began with Homo Sacer seems to have come to an end. It was a long road, from the early ‘90s until today, nearly twenty years.

Il filosofo e il politico: chiaroscuri di Massimo Cacciari

di MARCO ASSENNATO

Su “L’Espresso” del 21 giugno Massimo Cacciari propone una risposta alla questione: a cosa serve, oggi, la politica?

Illusioni perdute dell’altro mondo

di PIERRE MACHEREY

A differenza di quanto avveniva appena un secolo fa, oggi non si scrivono più grandi favole utopiche: le ultime, senza dubbio, sono state quelle di H. G. Wells le quali, però, si presentavano più come racconti d’anticipazione che come utopie in senso stretto.

Il sacro dilemma dell’inoperoso. A proposito di Opus Dei di Giorgio Agamben

di ANTONIO NEGRI

Con questo libro sembra concludersi il cammino che Agamben ha intrapreso con Homo Sacer. Un bel tratto di strada, dai primi anni ’90, un ventennio.

La cosiddetta Italian Theory e la rivolta del sapere vivo

di MATTEO PASQUINELLI

Per una bizzarra nemesi non del tutto casuale, nel momento di massima crisi dell’impero universitario anglo-americano, da Londra alla California, è la filosofia politica italiana ad ‘egemonizzare’ i suoi dipartimenti.

The so-called Italian Theory and the revolt of living knowledge

by MATTEO PASQUINELLI

In a strange nemesis, likely not completely fortuitous, at the very moment of the crisis of the Anglo-American academia we witness the rising ‘hegemony’ of the Italian political philosophy over its departments.

L’Italian Theory et la révolte du savoir vivant

de MATTEO PASQUINELLI

Pour une némésis étrange mais pas du tout aléatoire, au moment-même de la crise de l’académie anglo-américaine, nous sommes témoins au sein de ses départements de la montée « hégémonique » de la philosophie politique italienne.

Ricominciamo a leggere Gramsci

di TONI NEGRI

Recensione di: Peter D. Thomas, The Gramscian Moment.

È possibile essere comunisti senza Marx?

di ANTONIO NEGRI

È possibile essere comunisti senza Marx? È evidente che sì. Ciò non toglie che mi capiti spesso di discuterne con compagni e con intellettuali sovversivi di differenti estrazioni. Soprattutto in Francia – e le considerazioni che seguono riguardano essenzialmente la Francia.